ROSSESE DI DOLCEACQUA SUPERIORE LUVAIRA (2014)

Al naso si ritrovano anche sentori di cuoio e tabacco.

14,37 US$ Tutti i prezzi includono l'IVA
4 Articoli

Tipologia articolo BOTTIGLIE DI VINO
Tipo ROSSO
Peso 1,6
Formato 0,75
Annata 2014
Regione o zona Liguria
Punteggio 0
Bevibilità 0
Pregiato NO
Naturale NO
Vino d'annata NO
Gradazione Alcolica 13,5
  • PAGAMENTI IN TUTTA SICUREZZA: Paga in tutta sicurezza grazie al certificato SSL e ai pagamenti con PayPal, Carta di Credito e servizio GestPay di Banca Sella per i pagamenti con Visa e Mastercard. PAGAMENTI IN TUTTA SICUREZZA: Paga in tutta sicurezza grazie al certificato SSL e ai pagamenti con PayPal, Carta di Credito e servizio GestPay di Banca Sella per i pagamenti con Visa e Mastercard.
  • IMBALLAGGI SICURI: studiati appositamente e realizzati con cartone ad alta resistenza per garantirti una consegna nelle migliori condizioni possibili. IMBALLAGGI SICURI: studiati appositamente e realizzati con cartone ad alta resistenza per garantirti una consegna nelle migliori condizioni possibili.
  • SPEDIZIONI A PARTIRE DA 8,90€: Gratis con l'acquisto di una bottiglia d'annata o con un acquisto superiore ai 127€ SPEDIZIONI A PARTIRE DA 8,90€: Gratis con l'acquisto di una bottiglia d'annata o con un acquisto superiore ai 127€


Al naso si ritrovano anche sentori di cuoio e tabacco.
In bocca è un vino caldo e rotondo. Piacevolissimo. Sapido, quasi salmastro.
Da un vigneto di San Biagio della Cima, con un'esposizione a Sud-Est, Sud-Ovest, in uno dei cru più importanti della denominazione.
Luvaira è uno dei cru più importanti della tenuta: si estende per 2,5 ettari nel comune di San Biagio della Cima, con esposizione al sole che guarda verso sud. Si tratta di un paesaggio caratterizzato da dirupi e forti pendenze, a cavallo tra mare e montagna, reso coltivabile e gestibile da muretti a secco costruiti dall’uomo. La straordinaria vecchiaia delle viti, la bassa resa per ettaro, la rigida selezione delle uve concorrono, assieme alle caratteristiche del terroir, a forgiare la personalità del Rossese di Dolceacqua Superiore “Luvaira”. La vinificazione in acciaio, con macerazione delle bucce di 8 giorni e l’affinamento prolungato lo rendono equilibrato e longevo, capace di evoluzione.
L'azienda 

Quello che farete degustando i vini della Tenuta Anfosso è un viaggio straordinario nell'entroterra Ligure di Ponente.
Qui troverete vigne in terrazzamenti e panorami mozzafiato.
Roba che se la avesso in mano i francesi ci farebbero vini da 300€ a bottiglia.

Alessandro Anfosso e sua moglie Marisa Perrotti nel 2002 sono subentrati nella conduzione dei vigneti al padre di Alessandro, Luciano, ed è così cominciata la loro avventura nella viticoltura. Un’azienda giovane, ma di antiche tradizioni. Nel 1888 Giacomo Anfosso, bisnonno di Alessandro, reimpiantò il vigneto Poggio Pini a Soldano: piante in parte ancora esistenti, dove nasce il Rossese di Dolceacqua Superiore fiore all’occhiello della Tenuta. Oggi l’azienda si estende per circa 42.000 mq, di cui 13.000 di vigneti a Soldano in Poggio Pini e 29.000 di vigneti nel Comune di San Biagio della Cima in Località Luvaira: vigne dislocate in collina tra il mare e la montagna, con forti pendenze, in fasce tenute su da muretti a secco dove l’opera dell’uomo è costante e la meccanizzazione è nulla. Passione, fatica, amore per il territorio: questi i valori di Tenuta Anfosso, che ritroviamo in ogni sorso dello splendido Poggio Pini.

I vini della Tenuta Anfosso nascono tutti dal Rossese e si distinguono per lo stretto legame con il territorio, la tipicità e una notevole finezza gustativa che ne determina l’alta bevibilità. Tutta la produzione è caratterizzata da un’eccellente compattezza qualitativa, in grado di esprimersi su diversi registri ma sempre piena e grintosa.