DOMAINE DE LA CHAPPE

6a00d8341c018253ef01bb09029efc970d-640wiLa Ferme de la Chappe sorge sulla cima di una collina appena ad ovest della città di Tonnerre, la si raggiunge dopo aver risalito una strada laterale che si snoda attraverso i boschi lungo una piccola valle con alcuni gruppi di viti. La regione vinicola di Tonnerre si trova nei pressi di Auxerre, nel nord della Borgogna, ed è sicuramente meno conosciuta della vicina Chablis (16 km su strada) o della zona di Beaune.

La Ferme de la Chappe è una fattoria a più colture, il padre di Vincent coltivava anche grano quando faceva pressioni su alcuni altri agricoltori nella zona di Tonnerre per reimpiantare viti circa 30 anni fa. Oggi, lui e sua moglie continuano a gestire la fattoria di grano, ma suo figlio Vincent ha gradualmente conquistato i 2,5 ettari di vigneti nel 2003. Ha trasformato i vigneti in agricoltura biologica anche se suo padre stava già lavorando in modo abbastanza tradizionale, e ha esteso la sua capacità di vinificazione acquistando uve biologiche nella zona.

Vincent produce vino da un totale di 6 ettari di vigneti, tra cui i 2,5 ettari della sua azienda agricola di famiglia a cui aggiunge altri 3,5 ettari di uve a bacca nera. I suoi vigneti sono coltivati ​​con Aligoté e Chardonnay e compra cose diverse da altri (biologici quando possibile) coltivatori come Chablis, Petit Chablis e Beaujolais, tutto dipende dagli anni e da ciò che trova.

Parlando delle sue uve acquistate, Vincent dice che trovare uva biologica non è facile nelle immediate vicinanze, ha lavorato con un giovane coltivatore su Chablis e Petit Chablis, Adrien Roux che stava lavorando, bene ma poi ha interrotto la sua attività.

La denominazione AOC bianca in Tonnerre è stata creata nel 2006 ed è denominata Bourgogne Tonnerre, altrimenti l'Aligoté cade nella Bourgogne Aligoté DOP. Per i rossi avete il Bourgogne Rouge per il Tonnerrois, e il più alto valore Bourgogne Epineuil per i vigneti situati nella zona di Epineuil. Tonnerre ed Epineuil non sono molto conosciute anche in Francia, anche se l'AOC ha 10 anni e nonostante la lunga storia e la gestione dei monaci dal 10 ° secolo, in più ci sono pochi produttori e molti vendono il loro vino a il négoce, quindi c'è spazio per il progresso.

Ci sono solo due produttori che producono vino naturale nel Tonnerrois, Les Larmes de Divona di Amaury Beaufort (della famiglia Champagne Beaufort) e il Domaine de la Chappe.

Per una superficie relativamente piccola (quasi 6 ettari quando si include il frutto acquistato) Vincent produce un gran numero di cuvées, 12 di esse, non tutte sono state esposte su questa immagine perché alcuni dei vini non sono pronti e non sono imbottigliati ancora. Questo è impressionante, molti sono senza solfiti, come il Joseph 2014, un Pinot Noir della Borgogna, Vincent dice delle molte cuvées che gli piace sperimentare diverse denominazioni e terroir, per esempio c'è una cuvée alla Bourgogne Tonnerre (un bianco) di nome Ghislaine che è ancora nella sua vasca, che gli piace molto, è un tipo di vino molto diverso rispetto alla cuvée Thérèse, anch'essa bianca alla Bourgogne Tonnerre. Tutti i vini portano un nome con un'etichetta divertente come un ritratto, sono nomi inventati ad eccezione di André che è un riferimento a suo padre e a Joseph, suo bisnonno.

Ordina per:
Naturale
BOURGOGNE CHARDONNAY THERESE (2017)
DOMAINE DE LA CHAPPE
24,00 €
Naturale
BOURGOGNE PINOT NOIR ANDRE (2017)
DOMAINE DE LA CHAPPE
23,00 €
Visualizzati 1-2 su 2 articoli